Cosmetici & Skincare

Quali sono i migliori metodi per fare la ceretta all’inguine

L’inguine è una delle zone corporee in cui la depilazione spesso risulta piuttosto difficile da portare a buon fine. Con un minimo di attenzione e seguendo alcuni utili consigli forniti da esperti del settore, si può optare per uno tra i migliori metodi di ceretta e risolvere in modo ottimale il problema relativo ai peli superflui.

Quale tipo di ceretta scegliere per depilare l’inguine?

Quando si tratta di depilare la zona inguinale è importante sapere che per portare a buon fine l’operazione, si può optare per diversi tipi di cerette con ognuna che richiede un metodo ben distinto. Per fare degli esempi, se si intende eliminare i peli superflui soltanto nelle parti scoperte degli slip, si può scegliere una ceretta semplice e facile da usare quindi poco dolorosa.

Anche la cosiddetta ceretta all’americana fa parte di un metodo rapido ed efficace per rimuovere i peli in eccesso che si presentano all’altezza dell’inguine e che sono visibili dopo aver indossato gli slip. Rispetto alla precedente è un tantino più dolorosa, ma ideale per chi ha comunque una certa praticità.

Per continuare questa rapida carrellata dei migliori metodi per fare la ceretta all’inguine, vale la pena citare la cosiddetta brasiliana che tra l’altro è anche la più popolare. Nello specifico l’operazione può essere portata a termine agevolmente poiché al contrario di quella all’americana, si lascia soltanto un piccolo triangolino.

Un altro metodo per fare la ceretta nella zona inguinale consiste nell’optare per quella araba che prevede l’utilizzo di alcuni ingredienti ossia zucchero, succo di limone e acqua. L’operazione si può eseguire sia a caldo che a freddo, ed è particolarmente apprezzata poiché si attacca soltanto ai peli e non alla cute. Grazie a ciò, nel momento dello strappo quest’ultimo seppur repentino non risulta per nulla doloroso. Il metodo in oggetto si rivela ideale anche per cute sensibile o particolarmente delicata.

Come preparare l’inguine per la ceretta

Prima di procedere con uno dei metodi migliori per fare la ceretta all’inguine e in modo corretto, è necessario in primis stabilire se deve essere totale o parziale. In secondo luogo è necessario munirsi di un rasoio elettrico avendo l’accortezza di regolarlo in base alla lunghezza dei peli presenti in questa zona corporea.

In tal senso più risultano corti, meno dolore si avvertirà nel momento in cui si procede con lo strappo. A tale proposito, seguendo questi consigli di ebranditalia.com è possibile ottenere il massimo risultato e senza particolari disagi. Un altro metodo e che si rivela ideale per agevolare lo strappo consiste nel riscaldare la zona inguinale per pochi minuti allo scopo di dilatare i pori ed ottenere un’agevole fuoriuscita dei peli.

Meglio il metodo di ceretta a caldo o a freddo?

Quando si tratta di adottare uno dei metodi per fare la ceretta all’inguine, a giusta ragione molte persone si pongono la domanda se è preferibile optare per quella a caldo o a freddo. La risposta in tal senso non è difficile da fornire, anche se in entrambi i casi merita degli opportuni approfondimenti.

Per quanto riguarda la prima va innanzitutto detto che la cera va fatta riscaldare in un pentolino, e poi applicata sulla pelle inguinale utilizzando una spatola. A seguito di ciò, è sufficiente procedere con uno strappo allo stesso modo di quando si opta per il metodo di ceretta araba.

La ceretta a freddo, invece, si presenta sotto forma di strisce già pronte per l’uso e che basta soltanto riscaldarle tra le mani prima di applicarle nelle zone da depilare. Lo strappo successivo avviene poi tirando le due estremità di ogni singola striscia. Il metodo in oggetto è ideale anche per depilare altre zone corporee tra cui ascelle e gambe.

Consigli per rendere la ceretta inguinale poco dolorosa

Dopo aver appreso quale metodo è il migliore per la depilazione inguinale, è opportuno fornire una serie di utili consigli su come rendere meno dolorosa l’operazione.

A tale proposito un primo suggerimento è di procedere con un bagno caldo al fine di dilatare i pori della zona inguinale in cui si intende eliminare i peli superflui. Un altro consiglio è di rilassarsi il più possibile proprio come avviene in una sessione di yoga.

Questo atteggiamento si rivelerà prezioso per procedere poi con lo strappo e mettere da parte ogni remora psicologica e di conseguenza minimizzarne il dolore tanto temuto.

Tra gli altri suggerimenti che possono ritornare utili prima di procedere con un metodo di ceretta per l’inguine, va detto che è opportuno applicare nella zona interessata dai peli del talco, magari della tipologia mentolato. Grazie a ciò la ceretta aderirà maggiormente sui peli stessi anziché sulla cute, agevolando non poco l’operazione di strappo e che risulterà anche poco dolorosa.

Ceretta inguinale: pro e contro

La ceretta inguine se eseguita in modo totale offre un indiscusso vantaggio; infatti, risulta duratura e consente specie in estate al mare, di indossare il costume senza il timore che possano fuoriuscire antiestetici peli. Bisogna citare anche qualche contro legato all’operazione.

La ceretta totale infatti seppur in grado di durare per molto tempo, richiede comunque una costante manutenzione quindi l’utilizzo di un rasoio o di altre tipologie di cerette. Sempre in riferimento a quello che possiamo definire svantaggioso quanto si parla di ceretta inguinale con il metodo totale, va detto che dal punto di vista igienico alcuni dermatologi non la ritengono appropriata.

Nella zona infatti i peli seppur antiestetici hanno una funzione specifica ossia impediscono ai batteri di entrare a contatto con le parti intime e con un conseguente minor rischio di infezioni. Anche il fattore protezione è riscontrabile nei peli presenti nella zona inguinale; infatti, pochi sanno che in questo contesto si rivelano termo-regolatori, ossia sono in grado di gestire al meglio sia l’umidità che il calore della zona inguinale.

Non meno importante è sottolineare che i soggetti che lamentano problematiche tipo eczemi o irritazioni non dovrebbero procedere con una ceretta totale all’inguine, bensì optare per una parziale poiché con la prima si potrebbe amplificare l’inconveniente.

In ogni caso a margine di quanto sin qui descritto, è doveroso aggiungere che indipendentemente se si opta per una ceretta inguinale con metodo totale o parziale, utilizzare post operazione qualche buona crema lenitiva a base di aloe vera o semplicemente delle lozioni disponibili anche online sui migliori store preposti alla vendita, servono a rendere la zona interessata meno fastidiosa e di conseguenza tendono a minimizzare disagi vari.

Nata nel 1983 ad Agrigento, vivo in Veneto da oltre 20 anni, specializzata in marketing digitale e social media. Insieme a Francesco da 15 anni, ho una figlia di 7 anni. Appassionata di viaggi, condivido avventure su Instagram: @Adriana_Costanza.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *