Home Educazione e Sviluppo Quando dovresti iniziare a dare la paghetta a tuo figlio?

Quando dovresti iniziare a dare la paghetta a tuo figlio?

by Adriana

La paghetta è molto spesso il primo vero approccio con il denaro con cui un bambino entra in contatto. Attraverso le piccole somme che riceve dai genitori, il bambino impara il valore del denaro e muove i primi passi nel risparmio. Sulla base della paghetta, puoi iniziare l’educazione finanziaria di tuo figlio. Controlla perché vale la pena dare una paghetta e quando è il momento migliore per iniziare.

PAGHETTA PER UN BAMBINO: VALE LA PENA DARE?

Un buon modo per educare finanziariamente tuo figlio è pagargli una paghetta regolare. Grazie a questo, il bambino impara a pianificare le spese e risparmiare. I vantaggi più importanti della paghetta:

  • bambino impara il valore del denaro
  • il bambino apprende che i soldi vengono pagati per il lavoro che svolgono
  • un bambino impara la pazienza risparmiando per un obiettivo prescelto
  • il bambino impara a limitare i suoi acquisti: se spende soldi per una cosa, non comprerà qualcosa che desidera di più

Affinché la paghetta funzioni come educazione finanziaria, il suo ammontare deve rendere necessario il risparmio. Il bambino non dovrebbe soddisfare tutti i suoi desideri in una volta, perché non imparerà a risparmiare denaro.

PAGHETTA: QUANDO DARLA A UN BAMBINO?

Di norma, si presume che un bambino possa ricevere una paghetta dal momento in cui va a scuola, ad es. dall’età di 6-7 anni. Per vedere se puoi dare una paghetta a tuo figlio, ci sono alcune cose importanti da considerare prima:

  • Tuo figlio può contare e sarà in grado di contare i soldi?
  • Il bambino sa per cosa vuole spendere i suoi soldi?
  • Il bambino conosce e concorda con le regole della paghetta? Deve essere consapevole che se spende tutto in una volta, dovrà aspettare fino al prossimo giorno di paga per la prossima paghetta.

QUANTI SOLDI DOVRESTI DARE A TUO FIGLIO COME PAGHETTA?

La decisione in merito all’importo della paghetta da assegnare a un bambino è individuale e dipende da molti fattori, come l’età del bambino, le esigenze, la situazione finanziaria della famiglia e gli obiettivi che vogliamo raggiungere introducendo la paghetta. Ecco alcuni fattori da considerare quando si determina la paghetta:

  1. Età del bambino: i bambini più piccoli di solito hanno bisogno di importi inferiori per iniziare a imparare la gestione del denaro. I bambini più grandi che hanno più spese possono ricevere più paghetta.
  2. Bilancio familiare: l’importo della paghetta dovrebbe essere adeguato alle possibilità finanziarie della famiglia. Vale la pena fissare un importo realistico che non risulti eccessivo o troppo gravoso per il bilancio familiare.
  3. Obiettivi e responsabilità: vale la pena considerare quali obiettivi vogliamo che il bambino raggiunga grazie alla paghetta e quali responsabilità e spese dovrebbe sostenere. L’importo della paghetta può essere influenzato da questi fattori per incoraggiare il risparmio , il budget e il lavoro per obiettivi specifici.
  4. Standard locali: è una buona idea considerare gli standard e le usanze locali in materia di paghetta. Puoi parlare con altri genitori o consultare la tua comunità per indicazioni sull’importo appropriato.

QUANTO SPESSO DOVRESTI DARE LA PAGHETTA A TUO FIGLIO?

In definitiva, una volta al mese, proprio come veniamo pagati. Tuttavia, per i bambini più piccoli, è meglio dare più spesso, ad esempio settimanalmente o bisettimanalmente. Grazie a questo, sarà più facile per loro controllare le proprie spese e pianificare i risparmi.

REGOLE A CUI VALE LA PENA ATTENERSI

La concessione di paghette dovrebbe andare di pari passo con l’introduzione di regole di spesa. È importante discutere con tuo figlio di quali spese saranno responsabili e incoraggiare il risparmio e il budget. Puoi anche introdurre il principio di mettere da parte una paghetta per risparmi o obiettivi a lungo termine, che consentiranno al bambino di sperimentare i vantaggi di mettere da parte soldi per il futuro.

La paghetta svolgerà la sua funzione solo quando i genitori seguiranno le regole di base:

  • Non aumentare l’importo senza una buona ragione, ad esempio un aumento del prezzo o una maggiore responsabilità del bambino
  • Non prendere in prestito denaro prima del giorno di paga, a meno che non sia davvero necessario
  • Non punire tuo figlio con una paghetta: questo non è un modo efficace per disciplinare
  • Non controllare ogni acquisto di tuo figlio: lascia che commetta errori e impara da loro
  • Non comprare con i tuoi soldi ciò che il bambino vuole comprare con i suoi: lascia che risparmi e si goda gli effetti.

IN CONTANTI O SU UN CONTO: COME PRELEVARE LA PAGHETTA?

Dipende dall’età e dalle preferenze del bambino. Il contante ha diversi vantaggi, come:

  • è tangibile e più facile da contare
  • non richiede l’accesso all’online banking o al telefono
  • consente ai bambini in età prescolare di familiarizzare con il valore delle singole denominazioni

Un conto corrente per un figlio, invece, ha altri vantaggi, come ad esempio:

  • consente a tuo figlio di tenere traccia dei propri risparmi e delle proprie spese
  • insegna al bambino ad utilizzare i moderni strumenti di pagamento
  • offre condizioni e tassi di interesse interessanti

Puoi anche combinare entrambi i moduli e dare a tuo figlio parte della paghetta in contanti e parte da versare sul conto. In questo modo il bambino potrà scegliere come vuole spendere i suoi soldi. È importante stabilire regole e conseguenze chiare per la paghetta con tuo figlio.

Potrebbe anche piacerti