Home Salute e Benessere Perdita di capelli dopo la gravidanza? Perché succede e i rimedi naturali

Perdita di capelli dopo la gravidanza? Perché succede e i rimedi naturali

by Adriana
Pubblicato: Ultimo aggiornamento

I capelli sono senza dubbio l’accessorio preferito di noi donne, è innegabile! Ed è altrettanto innegabile come durante la gravidanza i capelli di tutte voi neomamme siano diventati corposi, nutriti e lucenti più che mai! Addirittura, sono cresciuti anche molto più in fretta. 

Ma perché succede? 

Durante la gravidanza il corpo produce grandi quantità di estrogeni, ovvero uno dei più importanti ormoni del nostro corpo che svolge una moltitudine di funzioni vitali per tutte le donne. In più durante questi nove mesi si ha un maggior afflusso di sangue in tutto l’organismo, compreso il cuoio capelluto che viene così irrorato da una quantità maggiore di sostanze nutritive. 

Il maggior afflusso di sangue e l’aumento degli estrogeni sono alla base di tutti gli aspetti esteticamente positivi della gravidanza, come per esempio anche una pelle più luminosa e raggiante o le unghie più resistenti.

Ma non in tutti i casi: la gravidanza e l’avventura di diventare mamma è estremamente delicata e personale, ecco perché può anche capitare che l’organismo risponda in modo differente dalla maggior parte dei casi. Può anche capitare che i cambiamenti derivanti da una gravidanza indeboliscano i capelli, stressando il cuoio capelluto, già di per se fragile e sciupato. 

Perché i capelli cadono dopo il parto?

Tutto lo splendore che i capelli hanno guadagnato durante la gravidanza scompare quasi improvvisamente dopo il parto, quando i capelli cominciano a cadere in grandi quantità e ad indebolirsi fino a diventare destrutturati e quasi privi di vitalità. 

Questo dipende dal fatto che il corpo della donna dopo il parto è pervaso da una tempesta ormonale, ovvero gli ormoni femminili, in particolare gli estrogeni di cui abbiamo parlato, che per nove mesi hanno contribuito al benessere e sviluppo di mamma e bimbo, subiscono un brusco calo. 

Contemporaneamente cominciano a salire i livelli di prolattina e di testosterone, entrambi due ormoni molto importanti. La prolattina è importantissima per la produzione del latte materno e invece il testosterone, che comincia a risalire proprio in questa fase, è il responsabile di qualche disturbo dell’umore e quindi può portare un lieve livello di stress e depressione post partum. 

Questa situazione di cambiamenti ormonali, associata alla stanchezza dopo il parto e allo stress che il corpo ha nella fase di allattamento, può provocare la caduta dei capelli e un impoverimento del cuoio capelluto che non sarà più nutrito da estrogeni e flussi sanguigni come nella fase della gravidanza. Quindi se in gravidanza si ha un apporto di nutrizione maggiore verso il cuoio capelluto, dopo il parto, questo livello non solo torna nella norma ma addirittura cala ed è sottoposto ad altri stress dati dall’allattamento, che dirotta tutti i principi nutritivi al seno e alla produzione di latte per il bimbo. 

Tutto questo va a interferire con il normale ciclo dei capelli che comprende tre fasi:

  • Anagena 
  • Catagena 
  • Telogena 

La prima fase anagena è la fase in cui il capello nasce e continua a crescere ininterrottamente per molti anni. In questa fase gli estrogeni prodotti durante la gravidanza aumentano le sostanze nutrite e favoriscono una crescita più sana, più veloce e strutturata dei capelli.

La fase catagena è il momento in cui il follicolo comincia a regredire e la crescita si arresta. Solitamente circa l’1% dei nostri capelli si trova in questa fase. 

La fase telogena, invece, è il momento in cui il follicolo si riposa, prima di ricominciare una nuova fase anagena, e il capello cade. Ecco perché normale perdere un po’ di capelli quotidianamente. Durante la post gravidanza il calo degli ormoni estrogeni e lo stress post partum questa fase è più colpita, accentuata dalla scarsità di nutrimento ai bulbi piliferi, e quindi è fisiologico perdere una maggior quantità di capelli. Si tratta di un processo completamente normale chiamato Defluvium Post Parto e ha una durata di circa 4 o 6 mesi. 

Quindi è tutto completamente naturale e fisiologico, ma è opportuno tenere controllata la situazione perché questa non degeneri e trovare i rimedi migliori, ancora meglio se questi sono naturali. 

Anche se i capelli durante la gravidanza vi appariranno splendidi, voluminosi e nutriti, potete comunque prendervene al meglio cura per mantenerli forti e strutturati anche in visione della più incisiva fase telogena che arriverà con il Defluvium Post Parto e l’allattamento

In che modo? Proteggendoli dall’esterno ma anche nutrendoli dall’interno. Si possono utilizzare shampoo e balsami dedicati alla ristrutturazione del capello, maschere nutrienti e evitare di stressare il corpo del capello con elastici troppo stretti o acconciature particolarmente intricate che possono spezzarli. Inoltre, consigliamo di evitare le tinte chimiche che possono penetrare troppo in profondità le fibre dei capelli.

Come prevenire o rallentare la caduta post parto – Gli integratori

Come abbiamo visto, dopo il calo degli estrogeni, il cuoio capelluto non riceve la stessa quantità di apporto nutritivo necessario per alimentare in modo corretto i capelli direttamente dal bulbo. È quindi molto importante nutrire da dentro i nostri capelli partendo da un’alimentazione ricca di proteine, vitamine e minerali che prevengano la caduta dei capelli e fortificano il cuoio capelluto. Non solo, ricordati che la tua alimentazione è anche l’alimentazione del tuo bimbo: ecco perché è importante che sia sana, ricca di nutrimenti e soprattutto naturale! 

Inoltre, l’utilizzo di integratori alimentari, appositamente studiati, può diventare fondamentale per evitare questo problema o ridurlo al minimo anche nella sua durata. 

SanaExpert ha elaborato una formula 100% naturale per prevenire la caduta dei capelli, rafforzarli aumentandone anche la crescita. Questa formulazione è così preziosa perché è adatta a donne soprattutto in gravidanza e allattamento perché non interferisce con l’alimentazione del bimbo.

Haar Forte

Questo prodotto di chiama Haar Forte ed è composto da capsule insapore da assumere in concomitanza con i pasti, consigliamo la colazione. Al suo interno sono concentrati i nutrienti base come biotina, zinco, selenio, acido pantotenico e altri elementi naturali come il miglio perlato che vanno ad aumentare l’apporto nutritivo al cuoio capelluto.  Si prendono cura dei tuoi capelli da dentro.

La stessa azienda ha studiato una linea intera dedicata alla maternità alla quale è possibile associare Haar Forte e che va a scandire tutte le fasi del diventare mamma, da prima del concepimento fino al termine dell’allattamento. Proprio per quest’ultima delicata avventura ha elaborato Natalis Lact che sostiene la mamma e il bimbo con tutti i nutrienti fondamentali per un corretto sviluppo del neonato e un valido sostegno per la madre.

Aiuta nella produzione del latte e allevia i dolori al seno per tutto il periodo dell’allattamento, grazie ai suoi componenti esclusivamente naturali tra cui i principali sono: DHA ed EPA per aiutare il cervello e gli occhi del bambino a funzionare normalmente, fieno greco per stimolare la produzione di latte materno e contrastare la caduta dei capelli.

Ricordati che per qualsiasi dubbio o informazione puoi sempre rivolgerti al tuo medico, al tuo ginecologo o anche all’ostetrica. È importante che tu abbia tutte le informazioni che desideri in questa avventura!

SanaExpert è a tua completa disposizione su tutti i suoi canali per le tue più svariate curiosità e domande.  

Post Sponsorizzato

Potrebbe anche piacerti