Home Salute e BenessereGravidanza L’alcol durante la gravidanza – La salute di tuo figlio viene prima di tutto!

L’alcol durante la gravidanza – La salute di tuo figlio viene prima di tutto!

by Adriana
Pubblicato: Ultimo aggiornamento

Quando una donna scopre di essere incinta, è sopraffatta spesso da varie emozioni: dalla gioia alla paura dell’ignoto, soprattutto quando è la prima gravidanza. Nove mesi d’attesa sono di solito il tempo per prendersi cura di se stessi e del nascituro

È allora che la futura mamma presta molta attenzione a uno stile di vita sano: inizia a mangiare meno, a fare attività fisica, ha una vita sana e moderata, evita lo stress eccessivo e presta attenzione a ciò che può danneggiare il suo bambino. Una delle cose a cui dovrebbe rinunciare durante la gravidanza è bere alcolici. Sfortunatamente, nella società c’è ancora la convinzione che un piccolo bicchiere di vino o birra non danneggerà il bambino. 

Un bicchiere di vino rosso ogni tanto non fa male alla gravidanza?

Ci sono spesso informazioni contrastanti sul consumo di alcol durante la gravidanza. Diversi anni fa, una donna incinta si sentiva dire che un bicchiere di vino rosso migliora la produzione di globuli rossi, calma e riduce lo stress in gravidanza. Ricorda che questa è una sciocchezza! L’alcol attraversa la barriera placentare e quindi le molecole di alcol compaiono nel flusso sanguigno del feto. Non esiste una quantità nota di alcol che possa essere dannosa per lo sviluppo di un bambino. L’alcol è una sostanza psicoattiva e tossica. Secondo la posizione del gruppo di esperti, circa 30-40 minuti dopo il consumo di alcol da parte di una donna incinta, la concentrazione di alcol nel sangue del feto è simile alla concentrazione di alcol nel sangue della madre.

L’alcol all’inizio della gravidanza: è dannoso?

L’alcol ha il più forte effetto teratogeno tra la prima e l’ottava settimana di gravidanza. Questo è il momento dell’organogenesi, cioè della formazione e differenziazione delle cellule da cui nasceranno i singoli organi. È un mito che la placenta protegga il bambino da tutti i pericoli, compresi gli effetti tossici dell’alcol. Pertanto, sarebbe bene che ogni gravidanza fosse pianificata, in cui una donna conduca consapevolmente uno stile di vita sano e, tra gli altri, non consuma alcol. Sfortunatamente, secondo la ricerca, ben l’80% delle donne in età riproduttiva consuma etanolo o bevande alcoliche e, a livello globale, circa il 10% delle donne beve alcol durante la gravidanza.

Quindi per farla breve:

L’alcol nuoce al feto soprattutto durante le prime settimane e nell’ultimo trimestre di gravidanza. Inoltre sarebbe buona cos, si pianifica una gravidanza non bere alcolici. In caso non tu abbia appena scopertodi essere incinta sarebbe il caso di interromperne l’assunzione sino alla nascita.

Alcol – Effetti e rischi durante la gravidanza?

Uno dei fattori di rischio derivanti dal consumo di alcol da parte di una donna incinta è il parto di un bambino con FASD – Fetal Alcohol Spectrum Disorders . La gamma di diversi disturbi derivanti da FASD è ampia. Può essere associato a difetti fisici, mentali e dello sviluppo. Vale la pena aggiungere qui che i disturbi colpiscono non solo il bambino, ma sono visibili anche nella vita adulta. Inoltre, gli effetti più comuni associati al consumo di alcol durante la gravidanza sono: aborto spontaneo, basso peso alla nascita o parto prematuro di un bambino.

Pertanto ricorda:

  • Non consumare alcol in nessuna forma! Non esiste una quantità sicura di alcol per una donna incinta.
  • Prenditi cura del tuo bambino fin dal concepimento. In qualsiasi fase della gravidanza, l’alcol è tossico per il bambino.
  • Pensaci, non daresti alcol a un neonato e se bevi durante la gravidanza, anche il tuo bambino non ancora nato consuma alcol.
  • Pianifica la tua gravidanza – non consumare alcol prima del concepimento.

Potrebbe anche piacerti