Home Di tutto un pò! Come riciclare le caffettiere

Come riciclare le caffettiere

by Alessandra Sodi

Avete mai pensato di riciclare le vecchie caffettiere?! Oggi voglio suggerirvi un DIY divertente e, sopratutto, semplicissimo da realizzare, adatto a grandi e piccini, un’attività da fare in casa con pochissimi elementi, per dare un tocco di allegria e originalità ai vosti balconi! Questo diy ha però una storia molto particolare e lascio che sia la mia amica Francesca, una delle bloggers di Chicks and Trips a raccontarvelo.

Abbiamo dovuto svuotare la casa dei miei nonni.

Non credevo che un’attività così semplice, materiale, automatica, potesse provocare un dolore tanto profondo. I ricordi, tutti bellissimi e di un’infanzia, che per me è stata davvero un incanto, sono riaffiorati dagli oggetti più strani. Mentre sistemavo, riponevo in scatoloni, e aprivo cassetti, mi sono ritrovata a desiderare di conservare le cose più strane: tazze sbeccate, vecchi libri, tovaglie rovinate dall’uso quotidiano. Cianfrusaglie ormai inutilizzabili, che un tempo avevano abbellito e accompagnato la vita dei miei nonni, in quella casa che pian piano si è svuotata di ogni piccola parte di passato.

In mezzo a quel mare di oggetti ho trovato almeno 10 caffettiere di varie misure, conservate da chissà quanto tempo e ormai inutilizzate. Il primo impulso è stato buttarle, ma poi ho deciso di portarle a casa; fra mille cose che avrei potuto scegliere, ho voluto prendere qualcosa di apparentemente inutile, adesso, ma forse così familiare come il profumo del caffè la mattina, il borbottio antico di quegli oggetti che inevitabilmente sanno di famiglia, di nonni, di bellezza. Il nostro balcone ora è abbellito da una decina di caffettiere, piccole e grandi: sì avete capito bene: le teniamo in balcone! E fanno davvero una gran bella figura!

Come realizzare le caffettiere-portapiante

Con mio figlio e mio marito ci siamo inventati un modo nuovo per ridar vita a quei pezzetti antichi del passato, e le abbiamo utilizzate come vasi per le piante grasse! L’attività è semplice e divertente: basta un po’ di terra, delle piante grasse di quelle che si dividono facilmente e hanno bisogno di poca terra, un vaporizzatore per l’acqua e la voglia di pasticciare un po’!

Basta poi un pomeriggio di sole, in terrazza e un telo per coprire il pavimento, in modo che poi sia più semplice pulire i piccoli pasticci di terra che inevitabilmente i bambini fanno!

I travasi con le caffettiere

Se avete bimbi piccolini, il riciclo delle vecchie caffettiere può diventare una bella attività di travasi, per stimolare la coordinazione oculo-manuale: mettete al terra in una vaschettina e date al bambino un cucchiaio con cui prendere la terra, appunto, e riempire la caffettiera.

Un’attività di precisione apparentemente semplice ma importantissima nello sviluppo dei bambini sopratutto nella fascia 0-3 anni. Anche impare ad utilizzare uno spruzzino è un’attività di stimolazione fino-motoria e di coordinazione: piccoli gesti che diamo per scontati ma che per i piccolini sono una scoperta e una conquista! E che soddisfazione, poi, poter ammirare il risultato di quel lavoro di precisione!

Consigli per la manutenzione delle caffettiere-vasetto

Caffettiere vecchie si trovano più o meno in tutte le case, oppure dai rigattieri dove potete acquistarle per pochi centesimi. Chiaramente più la caffettiera è grande e più è facile realizzarla, ma anche quelle piccole sono deliziose. Ricordate che le caffettiere non permettono all’acqua stagnante di uscire, quindi date sempre poca pochissima acqua. Anzi, fate come me e scordatevele proprio!

0 commenti
0

Potrebbe anche piacerti

Condividi