Home Chiedilo alla Psicologa Insieme ma separati, la solitudine in una relazione

Insieme ma separati, la solitudine in una relazione

by Adriana
Pubblicato: Ultimo aggiornamento

Tutti sperimentiamo la solitudine, sia che abbiamo una relazione o meno. Com’è possibile che quando siamo in una relazione romantica, a volte ci sentiamo soli?

Sembrerebbe che la solitudine sia uno stato che solo i single sperimentano, ma la realtà è completamente diversa. Prima di tutto, non è così roseo, perché il solo fatto di essere in una relazione non garantisce che ti libererai della sensazione di solitudine una volta per tutte. La solitudine in una relazione è spesso l’inizio della fine, ma non deve necessariamente equivalere a una completa rottura della relazione.

Insieme, ma distanti

La solitudine di solito non arriva all’improvviso, è piuttosto un processo graduale. Potremmo rappresentarlo attraverso una strada che ad un certo punto si biforca, e io e il mio compagno decidiamo di dividerci per vedere dove portano i vari rami. All’inizio i due sono vicini così possiamo ancora guardarci e parlare, ma un attimo dopo compaiono dei cespugli. Ci bloccano la visuale, ma anche se le strade divergono sempre di più, ci sentiamo ancora. Ad ogni passo, diventa sempre più debole, finché alla fine c’è un silenzio completo. Siamo consapevoli che l’altro si trova su una strada parallela, ma non siamo in grado di comunicare con lui, per farlo dovremmo tornare indietro al bivio o trovare una strada perpendicolare e muoverci verso il partner.


È lo stesso con la solitudine in una relazione. Si inizia con piccole cose, come non avere tempo per se stessi o abbandonare le conversazioni a favore di messaggi sulle faccende domestiche con l’avvento della routine della vita. Solo quando ci rendiamo conto che non abbiamo niente di cui parlare perché davvero non sappiamo nulla della vita dell’altra persona, ci rendiamo conto di quanto siamo diventati distanti. Se invece di vivere insieme, ognuno di noi conduce la propria vita e non vi presenta il proprio partner, la sensazione di solitudine sembra inevitabile, perché non sappiamo con cosa sta lottando l’altra parte e quali bisogni emotivi ha in relazione a esso.

La solitudine come fase di una relazione

In ogni relazione arriva un momento in cui la realtà grigia ci raggiunge e la routine appare nella vita. Dopo anni di relazione iniziano ad accumularsi problemi e rimpianti di cui prima non si parlava. Inoltre, crescono i problemi legati alla vita di tutti i giorni, e quindi le frustrazioni che un giorno dovremo scaricare. Sfortunatamente, molto spesso li riversiamo sul partner con cui trascorriamo la maggior parte del tempo su base giornaliera. I rimproveri, le critiche, il risolvere sempre gli stessi problemi si intensificano, ci fanno chiudere in noi stessi e non vogliamo rivelarci all’altro per paura di un’altra porzione di parole amare. A questo punto, c’è un senso di solitudine: non abbiamo nessuno con cui condividere i nostri pensieri, paure e gioie e viviamo le nostre vite da soli, senza dare accesso al nostro partner.

La sensazione di solitudine è spesso associata a un cambiamento nell’assetto delle relazioni, ad esempio dopo l’arrivo dei bambini. Quindi il nuovo membro della famiglia diventa una priorità e consuma la maggior parte del tempo, il che può far sentire il partner messo in disparte. 

Dedicando tutta la nostra attenzione a un bambino, come genitori spesso ci dimentichiamo di noi stessi e del fatto che anche noi abbiamo i nostri bisogni e una vita al di fuori della genitorialità. Una vita di cui possiamo, vogliamo e dobbiamo parlare con il nostro partner, ma a causa della moltitudine di doveri trascuriamo questa comunicazione. Il momento in cui la sensazione di solitudine può prevalere è anche il momento in cui il bambino adulto si è trasferito. 

In questa situazione, dobbiamo ricostruire la nostra vita quotidiana da zero e imparare a vivere di nuovo, questa volta solo noi due. Anni dopo, può essere difficile ricostruire un legame che potrebbe essere stato in qualche modo trascurato durante il processo di crescita di un figlio. Se non è possibile ritrovarsi in nuove circostanze e ricostruire la sensibilità ai bisogni e alle esperienze dell’altra persona, entrambe le parti possono provare un opprimente senso di solitudine. I partner vivranno insieme, ma in realtà separati, perché ognuno di loro condurrà la propria vita, che non condivideranno con il proprio partner.

Una questione di aspettative

La solitudine in una relazione ha varie ragioni, una di queste potrebbe essere la differenza nelle aspettative. Se ci aspettiamo o pretendiamo che il nostro partner ci sostenga in un certo modo, ma non lo comunichiamo mai, non saremo mai soddisfatti. Tuttavia, qualsiasi tentativo di contattare l’altra parte che non soddisfi queste aspettative sarà trattato come una mancanza di impegno. Ci sentiremo soli e rifiutati perché il partner non ha indovinato cosa ci aspettiamo e, come pensiamo, non si preoccupa abbastanza di noi, anche se in realtà potrebbe essere completamente diverso. In una relazione, dovrebbe essere sviluppato un linguaggio comune per aiutare a identificare i bisogni. 

Basare una relazione su congetture non va mai bene.Comunicare bisogni e aspettative può contribuire a costruire un sistema di risposta che darà a entrambe le parti la sensazione di essere accuditi e aiuterà a contrastare la solitudine. La differenza nelle aspettative è qualcosa di naturale, perché ognuno di noi è diverso ed è per questo che la conversazione è così importante – molto spesso la solitudine in una relazione è causata da una scarsa comunicazione, non da una mancanza di impegno. Se c’è un senso di solitudine in una relazione, raramente è unilaterale, di solito accompagna entrambi i partner. Nelle relazioni a lungo termine, spesso consumate dalle crisi, è molto più difficile risolverlo e riportare la relazione a una condizione sana.

“È colpa tua”

Più andiamo avanti in questa solitudine, più difficile è superarla, perché per paura del rifiuto, nessuna delle due parti è disposta a cercare per prima la riconciliazione. I partner si incolpano a vicenda per la loro solitudine e spesso si sentono molto dispiaciuti l’uno per l’altro, vedendo la fonte della loro condizione solo nelle azioni del partner. 

Pertanto, quando una delle parti decide di agire, l’altra, tenendo conto di tutte le ferite, può rifiutare questo tentativo, che alimenta solo un circolo vizioso di solitudine e rimproveri reciproci. 

In tali situazioni, la soluzione migliore è una conversazione onesta che aiuterà a decidere se siamo pronti a lottare per la nostra relazione o se preferiamo cercare la felicità altrove. Se decidiamo di riparare la relazione, vale la pena chiedere aiuto a uno specialista che ci aiuterà a superare tutti gli errori.

Potrebbe anche piacerti