Home Educazione e Sviluppo 10 Benefici sorprendenti dell’allattamento al seno

10 Benefici sorprendenti dell’allattamento al seno

by Adriana

Molte persone credono che l’allattamento al seno sia il modo migliore per fornire ai bambini i nutrienti di cui hanno bisogno per una crescita e uno sviluppo sani. Ecco 10 cose da sapere sull’allattamento al seno!

1. A parte l’allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi dalla nascita di un neonato, ricorda, l’allattamento al seno dovrebbe iniziare entro un’ora dalla nascita. L’allattamento al seno dovrebbe avvenire tutte le volte che il bambino richiede, giorno o notte. Infine, evita biberon o ciucci, se possibile.

2. Il latte materno fornisce tutti i nutrienti di cui un bambino ha bisogno per uno sviluppo sano. Contiene anticorpi che aiutano a proteggere i bambini dalle comuni malattie infantili, come la diarrea e la polmonite.

3. L’allattamento al seno riduce i rischi di cancro al seno e alle ovaie più avanti nella vita e aiuta anche a sbarazzarsi di quel peso più velocemente.

4. Aiuta i bambini a lungo termine. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) suggerisce che gli adulti allattati al seno da bambini spesso hanno una pressione sanguigna più bassa e un colesterolo più basso, nonché tassi più bassi di obesità e diabete di tipo 2.

5. Il latte materno, a differenza del latte artificiale, contiene gli anticorpi che proteggono un bambino da molte malattie comuni. Ci sono anche rischi di utilizzare acqua non sicura e utensili non sterilizzati o la potenziale presenza di batteri nella stessa formula in polvere. Il latte materno è il prodotto più sicuro e fresco disponibile per il bambino.

6. È sicuro allattare un neonato quando la madre è sieropositiva? Una madre con infezione da HIV può trasmettere l’infezione al suo bambino attraverso l’allattamento. L’OMS afferma: “Gli interventi farmacologici antiretrovirali (ARV) alla madre o al bambino esposto all’HIV riducono il rischio di trasmissione dell’HIV attraverso l’allattamento al seno. Insieme, l’allattamento al seno e gli interventi antiretrovirali hanno il potenziale per migliorare significativamente le possibilità di sopravvivenza dei bambini pur rimanendo non infetti da HIV. L’OMS raccomanda che quando le madri con infezione da HIV allattano, dovrebbero ricevere ARV e seguire le linee guida dell’OMS per l’allattamento al seno e l’alimentazione complementare “.

7. Nel 1981 è stato adottato un codice internazionale per regolamentare la commercializzazione dei sostituti del latte materno. Ad esempio, i sostituti devono etichettare informazioni importanti che rivelano i benefici dell’allattamento al seno e i rischi per la salute.

8. Un’iniziativa WHO-UNICEF fornisce ora supporto e cure migliori a madri e neonati. Ora ci sono più di 20.000 strutture “a misura di bambino” in 152 paesi. L’iniziativa è principalmente per garantire che le neo mamme stiano allattando comodamente.

9. Anche se sei una madre lavoratrice impegnata, non interrompere l’allattamento al seno per mancanza di tempo o per un luogo privato.

10. Dopo sei mesi, quando prevedi di introdurre altri alimenti per il tuo bambino, ecco cosa consiglia l’Organizzazione mondiale della sanità: L’allattamento al seno non dovrebbe essere diminuito quando si inizia l’alimentazione complementare. Gli alimenti complementari dovrebbero essere somministrati con un cucchiaio o una tazza, non in una bottiglia. Gli alimenti dovrebbero essere puliti, sicuri e disponibili localmente. È necessario molto tempo affinché i bambini piccoli imparino a mangiare cibi solidi.

Potrebbe anche piacerti