Home Salute e Benessere Cistite: riconoscere e combattere questa malattia femminile

Cistite: riconoscere e combattere questa malattia femminile

by Adriana

La cistite è una malattia che colpisce soprattutto le donne, al punto che – secondo le indagini – sono ben 3 su 10 e italiane che ne soffrono o ne hanno sofferto almeno una volta. Si tratta di un disturbo che può diventare cronico, se non debitamente curato, ma per fortuna con le giuste attenzioni è possibile prevenire la cistite ed evitare tutti i dolori e le conseguenze correlati a questa problematica.

Ecco perché oggi vedremo come riconoscere e combattere questa infezione alle vie urinarie.

Tipologie di cistiti, sintomi e diagnosi

Esistono diverse tipologie di cistiti e non è detto, come si pensa invece comunemente, che questa malattia sia necessariamente il risultato di un’infezione batterica. Se si presenta questa circostanza, si parla appunto di cistite batterica o infettiva, e spesso la causa dipende dal batterio Escherichia Coli o dallo Stafilococco.

Questa infezione può essere sia di derivazione esterna (ascendente), sia di derivazione interna: in quest’ultimo caso, i batteri raggiungono le vie urinarie attraverso organi come il colon e la prostata, oppure tramite il sangue. Per quanto concerne le cistiti non infettive, troviamo la forma interstiziale o quelle derivanti dalla radioterapia o da farmaci. I sintomi più comuni sono la necessità di dover urinare spesso, dolori durante questa operazione, cattivi odori risalenti all’urina e forti bruciori al basso ventre.

La diagnosi medica, sempre consigliata qualora i dolori dovessero aumentare eccessivamente, avviene tramite l’esame delle urine, l’urinocoltura e i tamponi vaginali.

Le cause della cistite

Come detto, la causa più comune è l’infezione da batteri, oltre alla cistite provocata dai trattamenti di radioterapia, insieme alla tipologia interstiziale.

Nel primo caso, i batteri possono provenire dall’esterno e risalire fino all’uretra, oppure giungere dall’interno. Anche le anomalie strutturali delle vie urinarie possono essere alla base di alcune forme di cistite, come nel caso degli ostacoli al deflusso, che creano un ristagno di urine e la conseguente proliferazione batterica.

Per quanto concerne la provenienza esterna, spesso la cistite viene contratta  per via di un rapporto sessuale non protetto.

I rimedi e l’importanza della prevenzione

La cistite viene generalmente curata attraverso l’impiego di prodotti specifici, come ad esempio il mirtillo rosso e il mannosio, che si rivelano particolarmente efficaci contro le proliferazioni batteriche.

In particolare, stiamo parlando di due elementi che possono aiutare anche a prevenire l’insorgenza della malattia e che, quindi, si possono assumere con una certa regolarità soprattutto se si è affetti da cistite cronica. Si tratta fortunatamente di prodotti che non necessitano di ricetta e che quindi si possono scegliere anche tra i farmaci da banco reperibili online, dove si possono trovare anche a prezzi vantaggiosi.

All’interno dell’elenco dei rimedi naturali utili a combattere questa malattia, troviamo anche il pompelmo, per via delle sue proprietà antibiotiche, e l’uva ursina, nota come uno degli antisettici migliori in natura.

Quando si parla di cistite, in ogni caso, la prevenzione diventa assolutamente essenziale per riuscire a evitarne la ricomparsa: conviene quindi bere molta acqua e tenersi idratati costantemente per evitare un’eccessiva proliferazione batterica, stare costantemente attente a  mantenere una giusta alimentazione, mentre, come si è accennato poco sopra, uva ursina e mirtillo rosso sono ottimi alleati non solo nella cura ma anche nella prevenzione di questo genere di fastidi.

È importante imparare a prevenire la cistite, ma anche capire come riconoscerla e come curarla nel modo corretto in modo da evitare che peggiori o, addirittura, diventi cronica.

0 commenti
2

Potrebbe anche piacerti

Condividi