Home Salute e Benessere Uscire con i bambini in inverno – Consigli per stare all’aria aperta!

Uscire con i bambini in inverno – Consigli per stare all’aria aperta!

by Diventare Mamma

Ormai é risaputo che uscire con i bambini in inverno faccia davvero bene! Ma come organizzarsi? Abbiamo chiesto qualche consiglio a Laura, mamma e fondatrice di IngirovagandoMum. Potete seguire i suoi viaggi su Facebook e Instagram!

Trascorrere del tempo all’aria aperta anche nei mesi invernali è molto importante sia per i nostri bambini sia per noi genitori. Ormai sono state smentite quelle vecchie teorie con cui si credeva che fosse meglio tenere sempre i bambini in casa col brutto tempo, anzi pediatri e pedagogisti sottolineano quanto sia importante stare fuori in ogni stagione.

I bambini imparano sperimentando in prima persona: il contatto con la natura nelle diverse stagioni permette di vivere in diretta il cambiamento e toccarlo con mano. Giocare fuori lascia più libertà di movimento e più possibilità di scoprire e imparare, da soli o a contatto con gli altri. Inoltre i virus sono meno resistenti al freddo, mentre le malattie si sviluppano più facilmente proprio negli ambienti chiusi.

Cosa portare in montagna per una gita coi bambini?

Mi accorgo subito come cambia il mio umore e quello del mio piccolo esploratore quando siamo costretti a stare in casa per più giorni di fila a causa dei classici malanni di stagione o della pioggia battente. Se al contrario riusciamo a stare almeno un pò fuori all’aria aperta, al nostro rientro a casa il giovanotto è più rilassato, riesce a concentrarsi maggiormente su un gioco per volta e tende a cercare meno la mia attenzione (il che si tramuta positivamente in qualche “capriccio” in meno). E anch’io ho scaricato un pò della tensione della giornata, riuscendo così ad essere più paziente e attenta alle sue esigenze.

Certo stare all’aria aperta in primavera o estate è molto più facile, ma basta non arrendersi alle prime difficoltà e adottare qualche accorgimento. Le giornate sono (molto) più corte, soprattutto se rientrate tardi dal lavoro e c’è già buio. Io cerco di recuperare il più possibile nel fine settimana, trascorrendo la maggior parte delle ore di luce a disposizione fuori all’aria aperta.

Consigli utili per stare all’aria aperta con i bimbi d’inverno

Ecco alcuni consigli da Ingirovagandomum, Mamma Zaino in Spalla, per stare fuori anche d’inverno (100% testati con un bambino che ora ha 3 anni e mezzo).

  1. Fate una breve passeggiata o un giro in bicicletta tutti i giorni. Non occorre fare dei km a piedi, e ovviamente ognuno ha le sue esigenze lavorative e personali, ma a volte bastano davvero 5 minuti di passeggiata per spezzare la routine. All’asilo dobbiamo andare in macchina per cause di forza maggiore, ma al pomeriggio vado sempre a piedi a prendere il mio bambino a casa dei miei genitori. Porto la sua bicicletta senza pedali e lui corre a casa veloce come il vento. E io lo devo rincorrere! Per fortuna abitiamo vicini ed in tutto impieghiamo circa 10 minuti: non è tanto, ma basta davvero a fare la differenza per quella giornata.
  2. Nel finesettimana scegliete di camminare anzichè usare la macchina. Fa bene anche all’ambiente, oltre che alla salute di tutta la famiglia. Camminare nell’aria invernale dà una sferzata di energia, ed apprezzerete ancora di più una bella tazza di the caldo o un caffè quando arriverete a casa. L’ideale è andare a camminare in un parco, in una zona pedonale o poco trafficata o ancora meglio fuori città. Ma la priorità è uscire di casa, quindi anche una passeggiata in centro per andare dal panettiere o dal fruttivendolo è un ottimo punto di partenza. Se il tempo non promette bene, basta pensare ad un giro più breve o conoscere qualche scorciatoia.

Foto più belle in pochi secondi con due semplici app!

  1. Non temete il freddo. I bambini si divertono da matti al parcogiochi anche in pieno inverno. Per fortuna la tecnologia ci viene in aiuto: basta andare da Decathlon o in qualunque negozio di vestiti per bambini ben fornito per trovare tutto quello che vi può servire. Un paio di guanti, un berretto, pantaloni felpati e scarpe impermeabili, oltre ad una buona giacca sono tutto ciò che vi occorre. Coprite bene il vostro bambino prima di uscire (senza costringerlo però a fare la sauna), ed aiutatelo a spogliarsi non appena rientra in casa per togliere eventuali vestiti bagnati ed evitare che sudi inutilmente.

Non fatevi ingannare dai prezzi troppo bassi e dalle offerte: di solito i vestiti valgono quello che costano, ma valutate anche quanto riuscirete a sfruttare quel tipo di abbigliamento. Se pensate di andare solo una volta sulla neve, non è necessario comprare un completo da sci. Basterà mettere sopra i pantaloni felpati la salopette antipioggia (un acquisto davvero valido per saltare nelle pozzanghere limitando i danni). Secondo me vale la pena investire qualche soldo in più su giacca e scarpe e soprattutto approfittare dei saldi.

  1. Parola d’ordine: divertimento! Se organizzate una qualunque attività all’aria aperta con il vostro bambino, cercate qualcosa di divertente che possa piacere a tutti. Vi racconto un aneddoto: a fine novembre volevamo fare una bella camminata domenicale sulle colline, ma il vento era davvero fortissimo. Siamo riusciti a trovare un posto riparato per fare merenda ma il nostro piccolo esploratore ci ha fatto subito capire che non si stava divertendo affatto nemmeno nello zaino portabimbo in spalla al papà. Dopo poco siamo quindi tornati alla macchina e ci siamo goduti il paesaggio facendo un giro sulla strada panoramica.

La temperatura in montagna – Farà freddo?

Da quando sono diventata mamma, ho imparato che a volte è necessario mettere in discussione il proprio programma, cambiarlo o posticiparlo ad un momento successivo. Non è sempre facile capire il vero motivo delle proteste dei bambini, ma conoscerli ed ascoltarli prendendo in considerazione anche il loro punto di vista anzichè insistere caparbiamente nel voler fare una cosa aiuta a mantenere un clima più sereno.

  1. Tenete in considerazione gli orari e le abitudini dei bambini. Le esigenze e le abitudini cambiano con il crescere dei bambini. Fino allo svezzamento gli orari del vostro bambino vi permetteranno un’ampia flessibilità: anche d’inverno basterà usare un sacco passeggino ben imbottito e potrete uscire senza problemi quando vorrete cercando un luogo al caldo per l’allattamento. Quando diventano più grandicelli e fanno il riposino pomeridiano, è meglio sfruttare le ore del mattino per stare fuori. Ma quelle ore mentre dorme sono tempo prezioso: approfittatene per fare un giro più impegnativo o per godervi un po’ di tempo per voi lasciando il bambino con i nonni o una persona di fiducia.
  2. Sport Invernali: sì o no? Se vi piace sciare, i vostri bambini probabilmente indosseranno il primo paio di sci non appena saranno capaci di camminare. Ma ci sono tante altre attività da provare nei mesi invernali a seconda dell’età dei bambini: pattinare sul ghiaccio, camminare con le ciaspole, fare un giro in slitta, scendere con lo slittino, giocare in una piscina termale all’aperto (verificare prima con il pediatra che non ci siano controindicazioni particolari e non rimanere in acqua oltre venti minut per volta). La maggior parte delle attività invernali all’aria aperta sono associate alla neve, ma perchè non prendere invece in considerazione di fare una vacanza in una destinazione dove magari è già primavera?

Passare del tempo all’aria aperta d’inverno è solo una questione di abitudine: una volta cominiciato non ne potrete più fare a meno!

Laura Ingirovagandomum

0 commenti
5

Potrebbe anche piacerti

Condividi