Home Per noi Origami per bambini: un modo nuovo per imparare!

Origami per bambini: un modo nuovo per imparare!

by Alessandra Sodi

Il Giappone non era proprio tra le mie mete preferite. Poi, qualche anno fa, è arrivata all’improvviso la possibilità di un viaggio in quelle terre lontane e ho detto perché no?.. Due settimane in un mondo assolutamente diverso, con sapori e colori differenti, con una grazia ed eleganza assoluta, un paese che non solo mi ha lasciato un bellissimo ricordo ma la voglia di tornarci! Potrei scrivere un’intera guida di viaggio sul Giappone, tanti sono gli spunti e le idee che quel mondo mi ha dato! Questi bambini sorridenti raccontano tanto del Giappone: una scolaresca che accoglie i turisti all’entrata dei templi donando loro degli origami, per poter far pratica dell’inglese scolastico, con timidi saluti e grandi emozioni!

Cos’è l’Origami

L’Origami, da ORI piegare e KAMI carta, è il nome di una tecnica giapponese che insegna a piegare un foglio di carta per ottenere, senza l’uso di forbici o colla, modelli di animali, fiori, oggetti, figure geometriche, modulari e scatole. L’Origami è un mondo che arriva da una tradizione antichissima che nasce tra quelle terre, che parla della loro storia attraverso secoli di carte colorate, di piegature, di immagini simboliche che vanno ben oltre il semplice passatempo, come sembra a noi occidentali. E mi ritrovo oggi a parlare di origami con Manola Dessì, un’artista della carta piegata, una bambina cresciuta tra manuali su carta, cartone e cartoncini, diventata oggi una origamista dallo stile lieve e inconfondibile, e una maestra di Quilling davvero eccezionale.

Quilling per i bambini: la farfalla di Primavera!

Manola, milanese trapiantata in Sardegna, mi racconta dei suoi primi approcci alle sculture di carta, ai tempi delle elementari, e l’amore per gli origami sbocciato in adolescenza, grazie anche alla passione per i Manga giapponesi che l’ha portata pian piano a voler approfondire la conoscenza di quel mondo complesso e vario, lontano e affascinante.

Origami: uno strumento educativo completo per i nostri bambini

L’Origami, come tutte le arti, è uno strumento polifunzionale che aiuta lo sviluppo nei bambini tanto della funzione percettiva quanto di quella motoria, di quella intellettiva, emotiva e razionale inoltre è facile da cominciare, è divertente, economico e i risultati possono essere ottenuti subito e in modo soddisfacente. Oltre al valore ludico l’Origami aiuta a sviluppare diversi aspetti nei bambini, come creatività, logica, abilità manuali e relazionali, la manualità fine e la coordinazione oculo-manuale, in particolare:

• impegna le condotte motorie
• esercita la memoria
• stimola la curiosità
• pretende e stimola l’impegno
• aiuta l’affinamento del senso estetico
• educa il pensiero del “divenire della materia”, della relatività, della consequenzialità
• risveglia, esercita e favorisce la manifestazione e lo sviluppo delle potenzialità creative
• stimola lo sviluppo percettivo

L’Origami influenza positivamente il comportamento:

  • nel giudicare con equilibrio il proprio e l’altrui lavoro
  • nel procedere con gradualità secondo un progetto e una corretta gestione dell’errore
  • nell’utilizzare un metodo per capire
  • nell’agevolare la socializzazione
  • nel prendere coscienza delle conseguenze delle proprie azioni

L’Origami è anche utile per i dislessici e i diversamente abili: la semplicità di risorse (foglio di carta e mani) può avere diverse implicazioni su molti livelli nell’educazione e in determinate terapie. Nel realizzare un origami i bambini allenano pazienza e concentrazione, e fanno ottimi esercizi di geometria e di spazi trasformando un semplice e piatto fogli di carta in una figura tridimensionale. Oltre al concetto di simmetria poi, nei vari diagrammi troviamo figure geometriche come quadrati, triangoli e rettangoli…. Ne volete un esempio?!

Coniglietto origami

Seguite il tutorial che ha fatto per noi la nostra amica Carolina: e in poco tempo realizzerete un dolcissimo coniglietto di Pasqua!

 

0 commenti
7

Potrebbe anche piacerti

Condividi