Home Per noi Le 10 frasi che aimè una neomamma si sente dire in ripetizione

Le 10 frasi che aimè una neomamma si sente dire in ripetizione

by Adriana

Ebbene si, anche io appena son diventata neomamma ho dovuto subire le frasette di tutti.
Adesso che la mia bambina è un pò più grandicella hanno smesso di stressarmi, e forse si sono resi conto che con me “da una parte mi entravano e dall’altra mi uscivano.”
Ma vi assicuro che non ho avuto scampo i primi mesi, ed aggiungo:

Magari fossero state soltanto dieci frasi, ho dovuto sopportarne moooolte di più

Ed ecco a voi le perle di saggezza dette da amici e parenti nei primi mesi del mio essere neomamma:

  1.  Questa bambina è una gran furbetta, ha già capito che se piange tu la prendi in braccio!
  2. Sta sempre attaccata al seno, non è che lo ha preso da vizio?!
  3. Non lo cullare prima di dormire se no prende in vizio di addormentarsi soltanto in braccio.
  4. Secondo me non hai abbastanza latte, se no non piangerebbe sempre cosi.
  5. Ma cresce? A me sembra sempre uguale, non è che non hai latte? A me sembra acqua.
  6. Ma dorme in camera con voi? Ma cosi non la caccerai mai più via.
  7. A me tutte ste fasce e marsupi sanno da Africani, ma sei sicura che stia comoda li dentro? Bah
  8. Non darle il ciuccio, le rovina i denti. Lasciala piangere, gli occhi lucidi sono più belli.
  9. E’ già passato un mese dal parto, perchè non esci con tuo marito e lasci a me la bambina.
  10. Se ogni volta che piange corri non va bene, i bambini devono farsi i polmoni.

Ecco a tutte queste persone vorrei incollare un passaggio che ho letto parecchie volte e mi ha colpito molto.

Immaginate di avere sete. Qualche volta vi viene dato un bicchiere d’acqua, qualche volta no. La vostra sete non è soddisfatta. L’unica cosa che sapete è che è sempre qualcun altro che decide se darvi o no un bicchiere d’acqua. Diventate sempre più nervosi e frustrati. Cominciate quindi a chiedere dell’acqua continuamente, anche quando non avete sete, perchè non siete sicuri che, quando avrete sete, vi sarà data dell’acqua. Diventate insicuri quando non avete acqua a disposizione e così preoccupati di non aver abbastanza acqua da divenire incapaci di pensare ad altro. Diventate dipendenti dalla fonte, che non abbandonate per poterne chiedere in continuazione.

Adesso immagina lo scenario opposto. Sei assetato e ti viene subito dato da bere in modo da placare la tua sete. Sei soddisfatto e puoi continuare a fare ciò che stavi facendo senza preoccupazioni. Ti rassicura sapere che l’acqua è sempre disponibile e che puoi prenderla ogni volta che vuoi. Con questa sicurezza alle volte addirittura te ne dimentichi. Senza pensieri, puoi dedicarti anima e corpo ad altre attività. Puoi esplorare, crescere…addirittura allontanarti dalla fonte.

Ora trasporta questo questo scenario sul tuo piccolo e sul suo bisogno di contatto fisico. E’ evidente che rispondere immediatamente al bisogno del vostro bimbo non lo renderà dipendente!!!

Avete capito furbone sò tutto io?!
Adesso che la mia bimba ha quasi 19 mesi posso dire di aver fatto un buon lavoro!
E’ una bambina abbastanza indipendente ma allo stesso tempo innamorata della sua mamma e del suo papà, e sa che dove non riesce da sola ci siamo noi.
E sarà così sempre finché avrò vita!
Voi continuate pure a dire che è viziata tanto a noi non importa!

PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

1 commenti
6

Potrebbe anche piacerti

Condividi