Cream Tart con i fiori, attenzione ai fiori usati sulle torte che siano commestibili

by Alessandra Sodi
Pubblicato: Ultimo aggiornamento

Ve lo dico subito: se non sapete cos’è una cream tart siete proprio fuori moda! Quindi vi consiglio di leggere attentamente questo articolo per rimettervi un po’ al passo coi tempi! Scherzi a parte, la cream tart è il dolce del momento, la torta wowwww che tutti (tranne me!) vorrebbero assaggiare; pare che non si possa più vivere senza!

La cream tart o number cake o biscuit tart, diversi nomi ad indicare lo stesso tipo di torta, consiste in una base di frolla o pan di spagna o pasta biscotto, farcita solitamente con crema al mascarpone e panna; non amo nessuno di questi ingredienti ma devo ammettere che l’aspetto estetico di queste torte è superlativo, se fatte bene, una girandola di colori, frutta, macarons, fiori che riempie gli occhi di piacere!

Eppure, se una cosa è bella non è detto che sia buona, sopratutto se non si presta attenzione ad un particolare di non poca importanza: i fiori che devono essere assolutamente commestibili!

Attenzione, future mamme: i fiori eduli sono particolarmente sconsigliati alle donne incinte e ai soggetti che soffrono di attacchi di asma!

Alcuni fiori sono estremamente velenosi anche se non mangiati, perché rilasciano del siero dai gambi a contatto con le torte, possono scatenare reazioni allergiche, altri invece, detti eduli o commestibili, possono addirittura essere usati per cucinare! Cosa che, tra l’altro, facevano già gli Antichi Romani, arricchendo con petali le loro preparazioni. In cucina si usano per zuppe, insalate, abbinati a piatti di carne, in sciroppi e liquori. E, se proprio non potete farne a meno, potete usarli per la cream tart!

Le 5 cose da sapere se usate fiori eduli

  1. I fiori eduli devono essere coltivati a scopo alimentare, senza uso di sostanze chimiche e pesticidi, lontano da smog e inquinamento, quindi li potete trovare solo da chi vende questo tipo di fiori (io, a Roma, li ho trovati nei mercati di Campagna Amica, ma ci sono anche molti siti specializzati nella vendita online)
  2. Se coltivate in casa i fiori eduli, ricordatevi di coglierli al mattino presto, maneggiandoli con estrema delicatezza
  3. Per conservarne il profumo e la consistenza, bisogna trattare i fiori con cura e delicatezza, conservarli in sacchetti di plastica se sono piccoli e senza gambo, o in vasetti d’acqua per i fiori a gambo. La parte edibile dei fiori sono i petali, dovete quindi rimuovere pistilli e gambi per utilizzarli. Se li usate a scopo decorativo, coprite i gambi con della carta stagnola.
  4. Per evitare che i petali appassiscano bisogna separarli dalla corolla e dal gambo solo prima di impiegarli nei piatti
  5. Dopo averli colti si possono lavare e asciugare in acqua come una normale verdura, e tamponarli con un panno pulito

Quali fiori commestibili usare per decorare una cream tart?

I fiori sulle torte sono indubbiamente scenografici, esprimono bellezza, grazia, eleganza, affetto.. potete dire mille cose con i fiori! Ecco quindi elenco di fiori dal sapore dolciastro particolarmente indicati nelle preparazioni dolci o come decorazione di torte, muffins e tutto ciò che è zuccheroso: angelica, gelsomino, gerani, ibisco, menta, rosa, camomilla, cerfoglio, citrus, finocchio, garofano, belle di giorno, trifoglio, viola.

Se cerchi la ricetta dei macarons da usare per decorare la cream tart, la trovi qui!

Quali sono i fiori più adatti per le decorazioni?

Ecco un elenco di fiori particolarmente adatti per decorare i vostri piatti: malvarosa, margherita, primula,rosmarino, impatients, fuchsia.

Devo dirvi sinceramente che mi premeva molto scrivere questo articolo, perché tante persone neanche immaginano a quale rischio si espongono solo per il piacere di avere una torta bellissima. Probabilmente mi cimenterò anch’io in una fantastica cream tart, anzi, vi svelo una piccola anticipazione: sto preparando un corso proprio per realizzare questa dolcissima torta, magari con i bambini!! Userò fiori di zucchero (e anche qui c’è molto da dire sull’uso di decorazioni edibili o non in pasticceria e, soprattutto, nel cake design); un po’ di colorante è sicuramente meno dannoso di una buona dose di pesticidi che troverei nei fiori del fioraio sotto casa! Siete liberissime di usare ciò che volete, sopratutto nella vostra cucina, il mio consiglio è: ditelo con un fiore, ma non avvelenatevi!!

Photo - Francesco Esposito per La Sodi Cake Design
Photo Letter Cake - sugargeekshow.com
Fonte: Dipartimento di Biologia – Università di Tor Vergata, Roma; Vegolosi.it – Magazine di cucina e cultura vegana

Potrebbe anche piacerti